Clicca sul logo per tornare alla Home Page
   



Territorio e ambiente / Acque, laghetti, sorgenti, fiumi e torrenti
Territorio e ambiente / Acque, laghetti, sorgenti, fiumi e torrenti
Il territorio comunitario è ricco di fiumi e torrenti. Il Fosso di Mola, proveniente da Poggio Moiano, in località Ponte Buita si incontra con il Fosso delle Mole e con le sorgenti delle Capore: nasce così il fiume Farfa, il fiume storico della Sabina, citato da Virgilio e da Ovidio. Un altro torrente, che passa vicino ai centri abitati di Ornaro e Poggio San Lorenzo, si getta nel Farfa poche centinaia di metri dopo la nascita di questo fiume. Un altro torrente nasce in prossimità della sorgente di Fonte Schiazzi (le cui acque potabili alimentano anche Orvinio), passa in prossimità degli abitati di Scandriglia e Ponticelli, segna il confine con Nerola (e quindi con la Provincia di Roma) e prosegue poi per Corese Terra e Talocci. Tra i torrenti principali da citare anche il Fosso Montenero che segna il confine tra Casaprota e Mompeo e prosegue poi per quest’ultimo Comune; ed il Fiume Rio, che arriva dalla Provincia di Roma, riceve alcuni affluenti del territorio di Orvinio, transita nel comune appena citato, prosegue per Turania e si getta nel fiume Turano. Questo è il corso d’acqua più grande del territorio comunitario: transita per pochi km anche all’interno del comune di Pozzaglia, nelle valle omonima, ai piedi dell’abitato di Pietraforte. Per completare il discorso possiamo dire che numerosi sono anche i torrenti secondari, che nella quasi totalità dei casi sono affluenti dei torrenti fin qui citati. Alcuni torrenti nascono sulle alture o sulle pendici dei monti, altri segnano il confine comunale. All’interno della Comunità Montana ci sono anche alcuni laghetti di pesca sportiva: in località Sant’Antonio (nel comune di Poggio San Lorenzo), ed uno in località Ponte Buita, a poche centinaia di metri di distanza. (a.d.v.).

Note: Nella foto (di a.d.v.) il Fosso di Cerdomare (nel quale fino a pochi anni fa viveva ancora il rarissimo gambero di fiume), che si getta nel Fosso di Mola e prima di arrivare a questo torrente crea una bellissima mini cascata.