Clicca sul logo per tornare alla Home Page
   



Itinerari Cicloturistici / Itinerario Monti Lucretili
Itinerari Cicloturistici / Itinerario Monti Lucretili
L'itinerario in questione ci farà conoscere la parte nord-orientale del Parco Regionale Naturale dei monti Lucretili. Il parco è stato istituito con la legge regionale n.41 del 26/6/1989 ed è ovviamente inserito nel sistema dei parchi e delle riserve naturali della Regione Lazio. Ha una superficie di circa 18000 ettari e fanno parte di esso 13 Comuni (10 della provincia di Roma e 3 di quella di Rieti). Partiamo da Osteria Nuova, frazione molto ampia che amministrativamente fa parte di più comuni. In questa località ci sono dei parcheggi gratis, utilizzati dai pendolari che vi lasciano la
macchina, prendono l'autobus e vanno a lavorare a Roma. Da Osteria Nuova facciamo un tratto in discesa fino ad arrivare al bivio per la statale Licinese, che collega la Salaria alla Tiburtina Valeria. Dal bivio saliamo per circa 5 km fino ad arrivare a Poggio Moiano. Da questo paese continuiamo a salire sulla Licinese (incontrando sulla sinistra anche la chiesa della Santissima Trinità) fino ad arrivare in località "ponte del malpasso" (c'è effettivamente un ponte), dove troviamo un tratto di falsopiano. Siamo ormai nel territorio del parco e l'ambiente che ci circonda non è più collinare ma tipicamente montano. Dopo il malpasso continuiamo a salire fino al bivio per Pozzaglia Sabina, che raggiungiamo dopo aver scalato una salita abbastanza impegnativa. Pur non facendo parte del parco Pozzaglia è circondata da boschi e sorgenti d'acqua, da un ambiente incontaminato. Si gode dunque di un aria salubre nonché di un panorama splendido. Da Pozzaglia scendiamo fino al bivio e torniamo sulla via Licinese. Da qui facciamo prima un tratto di pianura di circa 2 km (in pratica la strada si trova in fondo ad un ampio altopiano) poi una salita di circa 1 km che ci porta ad Orvinio. Giunti ad Orvinio possiamo prendere diverse strade: quella per Vallinfreda, che ci porta anche in Provincia dell'Aquila o sul lago del Turano e quella per Scandriglia (altro paese del parco) che è lunga circa 14 km e passa davanti al santuario di Vallebona. Noi continuiamo per la Licinese andando verso i paesi di Percile e Licenza, anche loro ovviamente facenti parte del parco. Dopo Orvinio troviamo prima un falsopiano di circa 2 km, poi una discesa immersi nella natura che ci porta fino a Percile, in Provincia di Roma. Da Percile facciamo un tratto in falsopiano fino a Licenza. A Licenza torniamo indietro facendo lo stesso percorso dell'andata fino a tornare ad O.Nuova. In questo caso la salita da Percile a Licenza presenta dei tratti veramente impegnativi soprattutto all'inizio, intervallati da altri quasi in falsopiano dove si può riprendere fiato. In compenso però è tutta all'ombra e consente di guardare la natura e le maestose montagne che ci circondano.

(a.d.v.)

MINIGUIDA: ARRIVARCI, GASTRONOMIA, TECNICA, ASSISTENZA E CULTURA
APPROFONDIMENTO