Clicca sul logo per tornare alla Home Page
   



Itinerari Cicloturistici / Itinerario Valle del Farfa
Itinerari Cicloturistici / Itinerario Valle del Farfa
Il nostro itinerario nella Sabina si snoda nella valle del torrente Farfa, affluente del Tevere. Partiamo da Frasso Sabino, antico borgo medievale posto aldilà della riva sinistra del fiume Farfa. Da Frasso Sabino affrontiamo una salita fino ad arrivare alla frazione di Immaginetta. Sia da Frasso che da questa località si possono inforcare dei sentieri naturalistici che portano alle sorgenti delle Capore, tra le più importanti del reatino. Queste sorgenti oltre a contribuire alla portata del torrente Farfa forniscono acqua alla città di Roma. Da Immaginetta facciamo una discesa fino alla frazione di Osteria Nuova e da qui prendiamo il bivio per Toffia. Dal bivio pedaliamo prima per un breve tratto in pianura attraversando la frazione di Casali di Poggio Nativo, poi affrontiamo una lunga discesa fino a Toffia, paese altomedievale situato sopra uno sperone roccioso. Da Toffia saliamo fino al bivio per Farfa e da qui facciamo una breve discesa fino all'abitato di Farfa, con la sua splendida Abbazia. Da Farfa continuiamo la discesa fino ad arrivare in località Granica, sul fiume Farfa, dove troviamo un breve falsopiano (quasi un km). Da Granica affrontiamo una serie di saliscendi fino ad arrivare in località la Memoria e da qui pedaliamo in falsopiano fino a Passo Corese, situato al confine con la Provincia di Roma. Questo centro è una delle dieci frazioni di Fara in Sabina e negli ultimi anni si è sviluppato moltissimo, tanto da diventare più grande del capoluogo ed uno dei maggiori centri abitati della Provincia di Rieti. Da Passo Corese giriamo a sinistra, al bivio per Talocci. Poco prima del suddetto bivio c'è anche uno dei pochi centri di assistenza del nostro itinerario (si tratta del negozio"Riziero sport"-abbigliamento sportivo, caccia e pesca, cicli, tel.0765488009- non effettua il servizio officina). Dopo il bivio c'è prima un tratto di pianura, poi una salita che ci porta fino a Talocci. Da questa località continuiamo a salire (escludendo un breve falsopiano dentro l'abitato di Coltodino) fino al valico dei 4 venti, uno dei pochi passi della Sabina. Prima del tratto conclusivo dei 4 venti c'è sulla destra un bivio che porta a Canneto (altra frazione di Fara, come Talocci e Coltodino). Dopo aver scalato il valico dei 4 venti scendiamo fino ad arrivare a Toffia e da qui facciamo lo stesso percorso dell'andata fino a tornare a Frasso Sabino, punto di partenza ed arrivo del nostro itinerario sulla valle del Farfa. Prima di arrivare a Frasso transitiamo nella frazione di Osteria Nuova.

(a.d.v.)

MINIGUIDA: ARRIVARCI, GASTRONOMIA, TECNICA, ASSISTENZA E CULTURA
APPROFONDIMENTO