Clicca sul logo per tornare alla Home Page
   



Itinerari Cicloturistici / Itinerario sulla rotta degli antichi Equi
Itinerari Cicloturistici / Itinerario sulla rotta degli antichi Equi
MINIGUIDA: ARRIVARCI, GASTRONOMIA, TECNICA, ASSISTENZA E CULTURA


GASTRONOMIA

I paesi toccati dal nostro itinerario presentano tutti una cucina tipicamente montana. Ad Orvinio possiamo assaggiare sagne al farro, frittelle, polentone ai funghi selvatici
e pizzillu (pizza cotta sotto la brace). A Vallinfreda possiamo gustare sagne (sagra ultima Domenica di Ottobre pro-loco 0774925088) fettuccine, polenta, gnocchi di patate e salcicce, oltre a diversi dolci locali come savoiardi, ciambelline al vino, tisichelle ed amaretti. I piatti tipici di Riofreddo sono i "sagnozzi", tipica pasta di acqua e farina, le braciole di pecora, la zuppa di fagioli , la polenta e le pizze di pasqua diffuse anche in altri paesi limitrofi. A Riofreddo il primo Novembre c'è la sagra della Rostera con degustazione di caldarroste, vino e sagnozzi (pro-loco 0774929116). A Vivaro possiamo gustare sagne, sagnozzi, frascaregli e cecamariti
(sono tutti tipi di pasta),petacce di farro, polenta e polentone e patate alla racia (patate
condite con pesto di aglio e mentuccia e cotte alla brace).A Vivaro c'è la sagra del fagiolo (l'ultimo sabato di Agosto)e la sagra della castagna (primo sabato di Novembre). Per info pro-loco 0774923002.In tutti i paesi toccati dal nostro itinerario
inoltre si può trovare cacciagione, miele, frutti di bosco, funghi e tartufi.

ASSISTENZA

Non ci sono negozi di biciclette, chiedere casomai al gruppo sportivo ciclistico
Speedy Sport di Carsoli al n.0863997574.

CULTURA

Nella zona si incontrano anche diverse rovine di castelli, paesi ed Abbazie. Vicino
Orvinio, poco al disotto della Cima dei Coppi (1211 m) si trovano i resti del paese e
del castello di Petra Demone andato completamente distrutto in epoca medievale.
Nella pianura sotto al castello Malvezzi invece c'è la diroccata Abbazia di S.Maria
del Piano (proprietà privata) edificata nel X secolo e monumento nazionale. Alla
fine della piana invece si intravedono ancora i resti del castello Sinibaldi, andato
in epoca passata completamente distrutto da un incendio. Inoltre a Vallinfreda sulla
strada per Orvinio sono visibili i resti di Portica, antica città sabina. Per info APT
Provincia di Roma, via XX Settembre 26, 00187 Roma, tel.06421381.


TECNICA

Il tratto da Orvinio a Vallinfreda è veramente terribile non solo per la salita finale,
ma anche perché la zona è molto afosa (non si trovano alberi nemmeno nei pascoli
e nelle montagne circostanti) ; si consiglia dunque di partire la mattina presto. Il rapporto consigliato è il 39x26, indossare casco e mantellina. Il fondo stradale non è
sempre perfetto, soprattutto nella discesa subito dopo Orvinio ed in quella che ci
porta a Vivaro. Ci sono fontane e fontanili in tutti i paesi attraversati.

ARRIVARCI

Dall'autostrada Roma-Firenze si prende la Salaria fino ad Osteria Nuova. In questa località si prosegue in direzione Poggio Moiano e si prosegue sulla Licinese fino ad Orvinio. Oppure autostrada Roma-l'Aquila, uscita Carsoli, si procede per Pozzaglia Sabina e da qui fino ad Orvinio. Più facile ancora: autostrada Roma-L'Aquila, uscita Vicovaro-Mandela, proseguire poi per la Licinese (da Licenza fino ad Orvinio). Oppure da Roma si può prendere la Tiburtina fino ad Arsoli: 4 km dopo questo paese c'è il bivio per Riofreddo. La zona è raggiungibile anche in treno: sulla linea Roma-Avezzano-Pescara stazione di Riofreddo ( treni regionali adibiti al trasporto bici-non tutti fermano a Riofreddo).

(a.d.v.)