Clicca sul logo per tornare alla Home Page
   



Storia / Personaggi storici
Storia / Personaggi storici
In questa sezione troverai i personaggi storici legati al territorio comunitario, dall’epoca classica ad Archiprando, da quest’ultimo fino al ‘900. Nell’alto Medioevo i saraceni invasero la Sabina. Furono distrutti paesi, chiese e conventi, la maggior parte della popolazione sabina del tempo fu uccisa o deportata in stato di schiavitù. Allora si formò un esercito con uomini provenienti da tutti i paesi della Sabina. L’esercito, guidato da Archiprando da Rieti, in una memorabile battaglia combattuta nei pressi di Trebula Mutuesca, sconfisse i saraceni e li cacciò definitivamente dalla Sabina. L’episodio in cui fu protagonista Archiprando va considerato come una delle prime affermazioni della libertà comunale. Ai tempi di Archiprando nelle coscienze dei sabini andava già maturando l’amore per la libertà della loro piccola patria (la Sabina): su tali basi sarebbero germogliati in seguito i principi comunali. Per quanto riguarda l’epoca classica vanno ricordati i personaggi di spicco di Trebula, soprattutto il console Lucio Mummio, vincitore della Lega Achea e distruttore di Corinto. Mummia Acaica, la pronipote di Lucio Mummio, era la mamma dell’imperatore Galba. Sempre per l’epoca classica va ricordata la battaglia tra Annibale ed i romani, avvenuta secondo molti studiosi nella piana di Ponte Buita. Nei secoli più vicini a noi, da segnalare il passaggio di Garibaldi in Sabina, ad esempio a Torricella e ad Orvinio, dove dimorò nel Palazzo Muti-Morelli (sec. XVI-XVII). (a.d.v.)




LUCIO MUMMIO, MUMMIA ACAICA E GALBA
ARCHIPRANDO DA RIETI